Costruttori di speranza

Essere genitori in tempi difficili

Prefazione di Camillo Bortolato

16,50  15,68 

Autore: ISBN: 9788867730827 Categorie: , , Pagine: 176

Pubblicazione:

Essere genitori in un’epoca di passioni tristi e confuse non è facile. Questo libro vuole aprire alla speranza e alla comprensione che l’incertezza, più che avvilire o scoraggiare, può essere opportunità di crescita, passione e amore verso i figli e il mondo che li attende. L’amore si mostra nudo e imperfetto senza perdere il suo valore e la sua grandezza. In queste pagine troverete riflessioni e idee utili a trovare il vostro modo di essere costruttori di futuro per le nuove generazioni.

 

Un genitore è una fonte inesauribile di esperienza umana. È una persona che ha vissuto uno scorcio di esistenza, ha imparato molte cose, tante altre non le ha comprese, ha sofferto, è caduto, si è rialzato, ha patito sconfitte e goduto vittorie. Questa pienezza di umanità è quanto dobbiamo donare ai nostri figli.

 

 

Prefazione di Camillo Bortolato

Sono passati cinque anni dal primo incontro con Gino Aldi in quel di Caserta.
Ero stato invitato a visitare il suo esperimento educativo con i bimbi in età prescolare. Un’esperienza educativa intima puntata anzitutto sulla relazione. Proprio la scuola che avrei voluto per me.
In quell’occasione mi fece dono, tra le varie sue pubblicazioni, di un libro dal titolo curioso Riscoprire l’autorità. Come educare alla libertà.
Pensai: finalmente un libro che risponde al mio problema di tenere a bada i bambini di oggi sempre più tremendi.
Ricordo che notando la mia soddisfazione ci tenne a precisare che non difendeva solo il principio di autorevolezza, ma anche quello di autorità in senso pieno.
Evviva pensai.
Lo lessi intensamente. Non era il consueto libro dalla parte dei bambini vittime della nostra arbitrarietà e non era neppure dalla parte dell’insegnante. C’era qualcosa in più che sfuggiva a questo dualismo semplificante.
Ora questo “quid indefinibile” viene riaffermato con un nuovo libro che, come si legge dal titolo, rimanda alla speranza, qui intesa come una visione che sta davanti a bambini e genitori.
Si guarda avanti verso una meta perché nelle cose umane cioè che conta non sono le cause che spingono, ma gli scopi che attraggono. Le finalità guidano i comportamenti secondo altre prospettive.
Quindi nel libro niente analisi cliniche, niente passato, come ci si potrebbe aspettare, ma lo sguardo sulla strada in salita verso scoperte meravigliose.
E allora grazie all’Autore per questo invito a portare lo sguardo fuori di me adulto e bambino.
Grazie per i messaggi quasi inconciliabili che ho colto nel libro trasformandoli in post gialli sopra il mio tavolo di lavoro come programma di cambiamento. Valgono per me che sono insegnante e genitore.

Coniugare flessibilità e rigore.
Proibire in modo affettuoso.
L’arte del divieto comprensivo.
Spiegare in modo lapidario come un arbitro.
La gioiosa perdita di quote di libertà.
Comprendere non è giustificare.
Evitare la fuga nelle regole.
Avventurarsi nei territori dell’incertezza.
Far sbocciare la persona con il racconto di sé.
Regalare ai figli il senso della propria storia.
Sdoganare il senso di colpa.
Scusarsi e riparare l’errore.
Dare valore alla propria fragilità.
Accettare umilmente l’imperfezione, ecc.

Ritornai a Caserta un paio di anni dopo per constatare come l’esperienza dei piccoli dell’infanzia proseguiva in una scuola primaria.
Ho capito allora che il tuo intento è quello di “costruire la comunità educante” di cui parli nel libro direttamente nella tua realtà, nella tua scuola, con i tuoi genitori.
Questa è la sola speranza possibile per indicare ad altri la strada, per essere “costruttori di speranza”.
Buona lettura.

 

 

Anteprima

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Costruttori di speranza”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto i Termini e Condizioni e la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.